dan-brown-inferno_tuscany-magazine

Chi di noi non vorrebbe partecipare a una vera a propria caccia al tesoro per le strade di Firenze, scervellandosi nella risoluzione di enigmi celati dietro i versi di Dante e sgattaiolando per i passaggi segreti dei più noti capolavori della città?


Tom Hanks ha avuto questa immensa fortuna, interpretando il ruolo di protagonista nel film Inferno (in uscita il 13 ottobre) diretto dal regista Ron Howard.

Tratto dall’omonimo romanzo di Dan Brown, Inferno si dipana attraverso una fitta rete di intrecci che vedono come protagonisti alcuni dei luoghi per cui Firenze è conosciuta in tutto il mondo, partendo da Porta Romana per arrivare fino al Battistero.

Porta Romana

Porta Romana è uno degli accessi alla città (precisamente quello a sud); da qui, il personaggio principale del film (Robert Langdon), accompagnato da Sienna Brooks (interpretata da Felicity Jones) si sposta all’Istituto d’Arte, a cui si accede tramite il favoloso Giardino delle Scuderie Reali, realizzato nel periodo di Firenze capitale.

romana_tuscany-magazine

Giardino dei Boboli

Langdon e Brooks entrano, poi, nel Giardino dei Boboli, uno dei più belli d’Italia, dove è possibile ammirare, attraverso innumerevoli percorsi, fontane, laghetti, sculture, alberi centenari e molto altro ancora. Qui, si trova, non ultima, la bellissima Grotta del Buontalenti, dove i due fuggitivi  trovano momentaneo rifugio. La Grotta è un’incredibile costruzione, dove si fondono sapientemente architettura, scultura e pittura.

giardino-boboli_tuscany_magazine

Corridoio Vasariano

Da qui si accede al famigerato Corridoio Vasariano (1565), che collega Palazzo Pitti a Palazzo Vecchio, passando sopra il Ponte Vecchio. Vasari lo concepì su commissione di Cosimo il Vecchio, al fine di potersi recare da un Palazzo all’altro, senza passare per il Ponte, allora luogo delle botteghe dei “beccai” (macellai), sostituiti poi con quelle degli orafi.

Il Corridoio Vasariano custodisce la più numerosa e importante raccolta al mondo di autoritratti e in parte di ritratti. Attraversandolo, e guardando fuori dagli oblò che ivi si aprono, è possibile scorgere il meraviglioso panorama sull’Arno, nonché la Chiesa di Santa Felicita dove si trova il noto affresco dell’Annunciazione del Pontormo.

ponte-vecchio_inferno

Palazzo della Signoria – Casa di Dante – Porta del Paradiso

Hanks e la Brooks passano appunto per il Corridoio e raggiungono Palazzo della Signoria, fino al Salone dei Cinquecento e, di nuovo inseguiti, si dirigono verso la Casa di Dante e la Badia Fiorentina, per arrivare, infine, alla strabiliante Porta del Paradiso dell’antichissimo Battistero di San Giovanni, realizzata da Lorenzo Ghiberti (1425-1452).

Qui, termina la fuga fiorentina dei protagonisti di Inferno, i quali verranno poi portati, da un ulteriore indizio, a Venezia.

 

Comments

comments